Il mio ultimo lavoro

Umanità al tramonto

Editore: IPOC editore Pagine: 145 Anno: 2016

   Non bisogna cadere nell’errore interpretativo per cui la tecnica non è né buona né cattiva e che l’efficacia o gli svantaggi dipendano da come la si utilizzi.

   La tecnica ci domina. Non necessita di alcun principio etico, e tantomeno della politica, perché rappresenta la forma più evoluta di totalitarismo.

   Non produce caos ma ordine. Pronta a colonizzare, grazie anche al capitalismo, ogni ambiente e a diventare fattore regolativo della intera esistenza sociale e individuale.

   Ma se Dio è morto e la filosofia non può più “pensarsi”, allora non sembrano intravedersi molte speranze per l’umanità.

   Una nuova alba potrà presentarsi solo con una “frattura della Storia” perché il tempo della fine e dell’inizio si svelerà solo quando avremmo attraversato il massimo pericolo nichilistico

 

Recensioni

Non ci sono recensioni presenti in archivio
Umanità al tramonto ERNST JÜNGER
Sull'inutilità della Destra Il profumo del nichilismo
Manifesto antimoderno. Il suicidio dell'Occidente. Libro-intervista a Roger Scruton
Junger e Schmitt. Dialogo sulla modernità Storia, Europa e Modernità. Intervista ad Ernst Nolte
Un conservatore atipico. Giuseppe Prezzolini, intellettuale politicamente scorretto Tolkien e Il Signore degli Anelli
Il 1799 in Terra di Lavoro. Storia, storiografia e controrivoluzione